sabato 10 settembre 2016

Un'antologia dalle Ultime conversazioni

Ecco alcuni dei brani tratti dal volume Ultime conversazioni nel quale Peter Seewald intervista Benedetto XVI e quest'ultimo risponde con estrema libertà. Questa piccola antologia è stata curata da Luigi Accattoli che ne ha fatto un commento anche per la nostra rivista Il Regno (cf. post precedente).

Antologia dal volume “Ultime conversazioni”
[il numero che precede i capoversi indica la pagina]

32 - [Decidere la rinuncia] Deve richiedere una forza incredibile. In questo genere di cose si riceve un aiuto. Ma per me era anche chiaro che dovevo farlo e che quello era il momento giusto. E la gente l’ha accettato. Molti sono grati che adesso il nuovo papa abbia un nuovo stile. Altri magari mi rimpiangono un po’ ma intanto sono riconoscenti anche loro. Sanno che il mio momento era passato e avevo dato ciò che potevo dare. Quando divenne definitiva la sua decisione? Direi durante le ferie del 2012. In agosto? Sì, più o meno.

33 - Quando e da chi fu scritto il testo con cui annunciava le sue dimissioni? L’ho scritto io. Non posso dire con precisione quando, ma al massimo due settimane prima. Perché in latino? Perché una cosa così importante si fa in latino. Inoltre il latino è una lingua che conosco così bene da poter scrivere in modo decoroso. Avrei potuto scriverlo anche in italiano, naturalmente, ma c’era il pericolo che facessi qualche errore.

"Felice" del suo successore, parola di Benedetto

L'uscita, oggi in abbinamento con Il Corriere della sera, del volume a cura di Peter Seewald, Ultime conversazioni (Garzanti) nel quale egli intervista il papa emerito Benedetto XVI viene presentata da Luigi Accattoli sul prossimo numero della rivista (n. 14). Anticipiamo qui il suo commento.